Come risparmiare sugli ambienti di casa

Infissi a risparmio energetico

Anche per il 2017 è stato previsto il rimborso del 65% delle spese sostenute per l’adeguamento energetico.

Ma come funziona la detrazione fiscale del 65% per risparmio energetico?
Il rimborso è previsto per gli acquisti effettuati durante l’anno che incidono sul risparmio energetico della propria casa. Rientrano in questa categoria le tende da sole, le pergotende e gli infissi (new entry del 2017 è la squalo net, una zanzariera plissettata.)
Oggi tratteremo in maniera specifica proprio degli infissi.

Oggi in commercio i tipi di infissi più venduti sono due: infissi in PVC ed infissi legno/alluminio; entrambi con caratteristiche diverse.

I serramenti in PVC hanno solo vantaggi: sono molto resistenti, conferiscono un isolamento termico ed acustico ottimo. Nel tempo, il materiale non deperisce e non si rovina.

Anche gli infissi in alluminio/legno sono un’ottima scelta: uniscono l’eleganza del legno in casa, ma le caratteristiche di durabilità dell’alluminio all’esterno. Unico neo è il costo: il legno fa si che questo sia uno dei serramenti più costosi (eccetto quelli interamente in legno, che infatti sono molto difficili da trovare).

Le caratteristiche di questi infissi li rendono idonei alla detrazione fiscale del 65% per risparmio energetico. In 10 anni, a partire da quello seguente all’istallazione, il proprietario di casa riceverà un rimborso del 65% del costo sostenuto. Una cosa che non molti sanno è che è possibile recuperare, non solo il costo degli infissi, ma anche quelli sostenuti per il montaggio: le cosiddette spese professionali.

Come è possibile ottenere il rimborso?

• Prima di tutto è necessario acquistare il prodotto tramite bonifico bancario parlante apposito per detrazione (dovrete inserire anche i dati del negozio che li fornisce).

• Dopo l’installazione degli infissi è necessario connettersi al portale dell’Enea (attenzione! ogni anno il sito ha un dominio diverso, se avete già effettuato l’iscrizione per altri lavori negli scorsi anni, è necessario iscrivervi sul nuovo portale) entro tre mesi e compilare la pratica on-line.
Oltre alle solite domande anagrafiche dovrete inserire quelle specifiche sull’immobile (trovate tutto nell’atto di compravendita o su una visura catastale).

• Dopodiché vi verrà chiesto di inserire le caratteristiche prima dei vecchi infissi e poi di quelli nuovi.

Basta compilare la pratica in tutti i suoi punti ed inviarla telematicamente. Dovrete poi infine consegnare la documentazione (fattura acquisto degli infissi, copia del bonifico bancario, copia della pratica.) al vostro commercialista.

Ambienti si rende disponibile ad assistere i clienti in tutte le procedure specifiche per ricevere la detrazione fiscale del 65% prevista per chi acquista un infisso a risparmio energetico.

Comments are closed